label.service.not.available

Seleziona una taglia

Lombardia

Eleganza e versatilità, sono queste alcune delle caratteristiche dei vini bianchi della Lombardia. Noi l’apprezziamo proprio per questo, perché in questa regione si possono trovare meravigliose bottiglie capaci di coniugare finezza e abbinabilità a tutto pasto. Se anche tu sei un appassionato della Lombardia enologica, sei nel posto giusto: sull’e-commerce di Signorvino trovi i migliori vini bianchi lombardi dall’ottimo rapporto qualità-prezzo da gustare con gli amici o da regalare in famiglia. Stai con noi: la Lombardia in bianco ti aspetta!

Grandi regioni e denominazioni del vino bianco lombardo

Le principali denominazioni lombarde che riguardano i vini bianchi sono quelle del Lugana, Riviera del Garda, Curtefranca, Valcalepio e Oltrepò Pavese, ognuna con caratteristiche molto diverse. Il Lugana DOC (Denominazione di Origine Controllata) è prodotto con il Trebbiano di Soave o Turbiana, un vitigno bianco autoctono delle province interregionali di Verona e Brescia. Il Lugana è certamente tra i bianchi più versatili della Lombardia, prodotto nella versione “base”, Superiore, Riserva, Vendemmia Tardiva e Spumante, capace di una buona potenzialità di invecchiamento, tanto che in passato sono state tenute dal Consorzio delle verticali con annate storiche, che hanno dimostrato la sua serbevolezza. Pochi sanno che in Oltrepò Pavese esiste la “Valle del Riesling”, un territorio compreso nei comuni di Calvignano, Montalto Pavese, Oliva Gessi, Casteggio, Mornico Losana e Rocca de’ Giorgi, molto vocato per la coltivazione di questo vitigno a bacca bianca di origine tedesca. In Oltrepò ben 2500 ettari sono impiantati con questo vitigno, in passato per la maggior parte Riesling Italico, poi reimpiantato con il cugino Renano, più elegante, complesso e segnato da maggiore potenzialità di invecchiamento. Oltre a questo vitigno nella zona si producono anche degli interessanti Chardonnay, spesso nella versione ferma, ma anche spumantizzata, oltre al Pinot Grigio. Anche nella denominazione Curtefranca, in provincia di Brescia, si produce un ottimo Chardonnay, a nord delle sponde del lago d’Iseo, tra le colline di Rodengo Saiano, Ome, Gussago e Cellatica. Questa denominazione ha sostituito il Terre di Franciacorta per non creare confusione nel consumatore rispetto alle più note bollicine metodo classico. Le versioni della DOC Curtefranca sono il Bianco “base” e il Bianco con menzione Vigna, il primo con sentori fruttati e note delicatamente erbacee, il secondo con più corpo e struttura.

Abbinamenti con i vini bianchi lombardi

Il Lugana DOC è un bianco, che in base alle sue diverse tipologie si presta a coprire un intero pasto, dall’aperitivo al dolce. La versione spumantizzata infatti si presta molto bene ad accompagnare i pesci di lago, la trota, il persico e il lavarello, così come la sua versione ferma base. Il Lugana Superiore, vista la sua struttura più importante, può essere indicato con preparazioni dalle caratteristiche più intense, come la pasta con la bottarga o della carne di pollo, mentre il Riserva si sposa molto bene con i formaggi semi stagionati o delle carni più importanti, come il classico manzo di Rovato. La vendemmia tardiva, concentrato di aromi e dolcezza, ben bilanciato dalla spalla acida, è indicato con i formaggi erborinati e con i dolci. Il Riesling dell’Oltrepò si abbina molto bene a tutto pasto, ma occorre prestare attenzione a quale versione si tratti, se Italico o Renano. Il Riesling Italico è un bianco che si presta ad abbinamenti semplici, come con l’antipasto o con la pizza, mentre il Renano è indicato ad accompagnare i formaggi, i primi e i secondi di pesce, fino alle carni bianche, a patto che si tratta di un Riserva. Gli Chardonnay della DOC Curtefranca sono meravigliosi come aperitivi, con degli sfiziosi finger food, e con le preparazioni a base di pesce, come una sontuosa ricciola o un pesce spada alla brace. Lo stesso vitigno declinato nella versione Oltrepò o Valcalepio può dare uguale soddisfazione, soprattutto se si sceglie un menù vegetariano o a base di crostacei. Nel dubbio, gli abbinamenti regionali sono quelli che, più di altri, possono aiutare nella scelta di piatto e vino, ma se si prende un pochino di dimestichezza si possono sperimentare anche qualche abbinamento ardito, come un Riesling renano molto evoluto con uno stinco di maiale, alla maniera alsaziana.