• Chiamaci

    lunedì - sabato dalle 10 alle 16

    0458613640

    *Il numero é a pagamento. Il costo equivale alla chiamata nazionale, la tariffa dipende dal gestore telefonico.

  • Chiamaci

    lunedì - sabato dalle 10 alle 16

    0458613640

    *Il numero é a pagamento. Il costo equivale alla chiamata nazionale, la tariffa dipende dal gestore telefonico.

  • Inviaci una mail
label.service.not.available

Ordina

Seleziona una taglia

Lazio

Ti piace il Lazio del vino rosso? Allora sei nel posto giusto! Su Signorvino trovi un’interessante selezione di vini rossi laziali dall’ottimo rapporto qualità-prezzo, che ti faranno letteralmente perdere la testa. Rimarrai stupito dalle nostre offerte, pensate per te e la tua famiglia: dalle cantine più famose a quelle di nicchia, con noi trovi il meglio che possa offrire questa regione. La selezione del nostro e-commerce è pensata per rispondere alle tue esigenze, che si tratti di un vino speciale per una serata romantica o di un’etichetta pop che fa tendenza. Non esitare: i migliori vini del Lazio sono acquistabili in un click.

I migliori vini rossi del Lazio

Ha un paesaggio molto ricco e vario il Lazio, fatto di monti, laghi, mare, colli e pianura, dove la vite si è integrata perfettamente. Dai suoi ex vulcani, dove ora nascono i laghi, sino ai colli, questa regione è nata per produrre vino, tanto che sin dall’Antica Roma la vite fa parte della sua economia agricola. Tra i vini più caratteristici e famosi del Lazio non possiamo che citare una delle sue DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita), il Cesanese del Piglio. La zona di produzione è quella della provincia di Frosinone, su un territorio vitato di circa 15mila ettari, molto noto nel Lazio per storia e qualità produttiva. Secondo il disciplinare di produzione si possono produrre diverse tipologie di Cesanese, quello d’entrata, il Superiore e il Riserva. Il primo è un Cesanese tipico, prodotto con almeno il 90% di Cesanese d’Affile o Comune, che si esprime su tonalità rubino, profumi di fiori e frutti rossi, buon corpo e persistenza. Il Cesanese del Piglio Superiore ha una gradazione alcolica di non meno di 13°, mentre il Cesanese Riserva è sottoposto a un periodo di invecchiamento superiore, non meno di 20 mesi di cui 6 mesi in bottiglia.

Grandi denominazioni del vino rosso laziale

Il Cesanese Riserva è una versione molto più ricca e complessa, sia nei profumi che nel gusto. In tutto il Lazio sono inoltre prodotti molti Rossi IGT (Indicazione Geografica Tipica) da diversi vitigni internazionali come il Merlot, il Cabernet Sauvignon e il Cabernet Franc. Queste uve a bacca rossa si esprimono bene in tutti i territori, cosa che spiega il loro successo in tutto il mondo, ma sanno al contempo cambiare le proprie sfumature organolettiche rispetto al terreno e alle condizioni pedoclimatiche in cui vengono allevate. Nel Lazio il clima è di tipo Mediterraneo, ma sono diversi i suoi, da quelli composti da tufo friabile nella zona del Tirreno, ricchi di potassio, a quelli ricchi di argilla e calcare, lungo il litorale di Cerveteri. Esistono poi dei terreni vulcanici nella zona dei Colli Romani, con sedimenti arenacei, marnosi e argillosi, che conferiscono ai vini delle caratteristiche di sapidità e buona mineralità. I vitigni internazionali coltivati in pianura, in terreni sabbiosi e argillosi ricchi di sostanze minerali, danno ottimi prodotti, con profumi e colorazione intensa.

Abbinamenti con i vini rossi del Lazio

I gustosi piatti tradizionali del Lazio vengono esaltati dai suoi vini regionali, sia bianchi che rossi. Qualche esempio? Con la coda alla vaccinara, le animelle o la trippa, tutti piatti saporiti di origine contadina, si può abbinare in tutta tranquillità un Cesanese del Piglio, magari nella versione Superiore. Nella versione base, invece, si possono abbinare i saltimbocca alla romana o del pecorino fresco. Questo vino è adatto a tutto pasto, può essere consumato insieme ad antipasti, primi e secondi piatti. Fra i primi piatti consigliamo l’abbinamento a pasta col ragù, l’amatriciana oppure i rigatoni alla pajata, ma è ottimo anche con gnocchi di patate e polenta condita con carne. Per quanto riguarda gli antipasti, degustate questo vino con taglieri di salumi stagionati e formaggi di media stagionatura. Il Cesanese è perfetto anche nella cucina internazionale, con un pollo Tandoori o in agrodolce. Con l’Abbuoto, piatto ciociaro a base di interiora di agnello, occorre un rosso più strutturato, magari un Merlot o un Cabernet Sauvignon.

Sapori e aromi più armonici

Con un vino Atina DOC, composto da Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e Syrah, si possono abbinare salumi piccanti, abbacchio e primi piatti di pasta molto conditi. Un Aleatico di Gradoli, invece, è ottimo se gustato a fine pasto magari in compagnia di un dessert, pasticceria o frutta secca. Insieme ad un vino Cerveteri DOC, dal gusto sapido e armonico, consigliamo di servire salumi, formaggi saporiti e carni arrosto, mentre con un Cesanese di Affile è meglio gustare primi con sughi di pollo, arrosti e abbacchi. Ad abbacchi e sughi di pollo, si può abbinare anche un Cesanese di Olevano Romano, ma questo vino è adatto anche ad alcuni dessert. Il vino Colli Etruschi Viterbesi, dal sapore fresco a armonico, è ottimo se assaggiato insieme a minestre, salumi, frittate e formaggi molli, mentre un vino Cori è piacevole quando è accompagnato da arrosti di carni bianche e verdure ripiene al forno. Infine, ad un vino Velletri è consigliabile abbinare un piatto tipico come la coda alla vaccinara o un abbacchio alla romana.