• Chatta con noi

    LUN / VEN: 10.00-18.00
    SAB: 12:00-16:00

  • Chiamaci

    0458613640*
    LUN / VEN: 10.00-17.00

    *Numero a pagamento. Il costo equivale alla chiamata nazionale, la tariffa dipende dal gestore telefonico.

  • Chiamaci

    0458613640* LUN / VEN: 10.00-17.00

    *Numero a pagamento. Il costo equivale alla chiamata nazionale, la tariffa dipende dal gestore telefonico.

  • Inviaci una mail
label.service.not.available

Seleziona una taglia

Abruzzo

Abruzzo, terra di mare e di montagna, crogiuolo di vitigni a bacca bianca capaci di farti innamorare di questa splendida regione. Sull’e-commerce di Signorvino trovi una selezione di famosi vini bianchi abruzzesi dall’ottimo rapporto qualità-prezzo, assieme a tante offerte imperdibili a cui non potrai proprio resistere. Scopri online tutte le proposte che abbiamo in serbo per te, dal Pecorino alla Passerina, fino al Trebbiano. Non indugiare: lasciati conquistare dal meglio dell’Abruzzo.

I migliori vini bianchi dell’Abruzzo

Dall’Adriatico alla montagna, passando per la collina, il territorio dell’Abruzzo ha un che di selvaggio, che lo rende affascinante e unico nel suo genere. L’area vinicola si estende nella collina litoranea, ma esistono altre zone interne, dove la vite cresce e si sviluppa molto bene. Questa regione è molto conosciuta per i suoi vini rossi, ma quelli bianchi non sono da meno. Tra i più famosi, sia la Passerina che il Pecorino, condivisi anche con le Marche, si sono ricavati in questi ultimi anni un posto di tutto rispetto nell’enologia della regione. Quasi completamente scomparsi fino a qualche decennio fa, questi vini tipici della provincia di Teramo vengono prodotti nel Controguerra DOC (Denominazione di Origine Controllata). Ne escono prodotti freschi, di buona struttura e profumi, che si esprimono in vini monovarietali prodotti con un minimo dell’85% di Passerina o Pecorino.

Grandi denominazioni

Ai confini del Molise, in provincia di Chieti, ritroviamo di nuovo queste stesse uve a bacca bianca, assieme a un vitigno oggi ancora poco conosciuto, la Cococciola. Si tratta di una varietà molto produttiva, utilizzata per anni come taglio assieme ad altre uve. Da qualche anno si sta assistendo a una sua riscoperta, tanto che ci sono stati degli interessanti risultati di vini da Cococciola in purezza. Sempre in provincia di Chieti è nata a luglio 2019 una nuova DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita), la Tullum, dove è prevista la presenza della versione in bianco sia con Pecorino, che Passerina. Il grande bianco della regione, sia per fama, che quantità produttiva, è il Trebbiano d’Abruzzo DOC, presente in tutta la regione, ma in particolare nella provincia di Pescara, e da lì diventato famoso in tutto il mondo.

Abbinamenti da provare

Dal colore paglierino, spesso con sfumature dorate, il Trebbiano d’Abruzzo DOC è un bianco dal profumo intenso, minerale, con chiari richiami alla frutta gialla, palato sapido, complesso con chiusura di mandorla. È un vino, che si presta ad abbinamenti trasversali, sia nella versione “base”, che Riserva accompagnando con stile tutto il pasto. La versione d’apertura sposa bene i piatti di mare, come i crostacei o del polpo in umido, mentre la versione Riserva, segnata da maggiore corpo e struttura, può abbinarsi a piatti più complessi e intensi, come una pasta con la bottarga di muggine o un pesce spada alla griglia. Dagli aromi di ananas, fiori di sambuco e lime, sorso piacevolmente sapido ed elegante, la Passerina è un bianco che ha bisogno di abbinamenti di altrettanta portata gustativa, come dei filetti di salmone alla mediterranea o dei gamberi con porri e zenzero.

Sapori e aromi più armonici

Dal carattere più minerale e asciutto, il Pecorino si presta molto bene ad accompagnare i moscardini o le seppie con piselli e patate, ma è ottimo coi filetti di orata gratinati al limone. Con dello Chardonnay da terra d’Abruzzo ci si può divertire a tutto pasto, iniziando con delle code di gambero impanate, ma stando bene attenti di indirizzarsi verso un Riserva, in particolare se nel piatto si è usato un tocco esotico col l’aggiunta del cocco grattugiato, assieme al pan grattato. Si può poi passare a dei calamari ripieni al sugo e un tonno in crosta di pinoli e origano per concludere. Con la Cococciola d’Abruzzo, dai sentori di frutta e fiori bianchi, palato sapido e pieno, occorre andare su piatti delicati a base di carni bianche o di pesce. Ora che sapete come abbinare i vini abruzzesi, provate!