• Chatta con noi

    LUN / SAB: 08.00-20.00

  • Chiamaci

    numero verde gratuito 800 987 134 attivo:

    lunedì-sabato dalle 08.00 alle 20.00
    0458613640

    *Il numero è a pagamento. Il costo equivale alla chiamata nazionale, la tariffa dipende dal gestore telefonico.

  • Chiamaci

    lunedì-sabato dalle 08.00 alle 20.00
    0458613640

    *Il numero è a pagamento. Il costo equivale alla chiamata nazionale, la tariffa dipende dal gestore telefonico.

  • Inviaci una mail
label.service.not.available
Scegli quantità: Indietro

Scegli la quantità personalizzata da aggiungere al carrello:

+
Scopri dettagli

Alto Adige Chardonnay La Fóa

Codice Articolo: VFB00605 2022750
1
Scegli la quantità di bottiglie da aggiungere al carrello:
x 1
x 2
x 3
x 4
x 6
x 9
x 12
x 18
Questo articolo non è al momento disponibile.

Annata: 2022

Denominazione: Alto Adige DOC

Uve: Chardonnay

Alcool: 13.5 %

Formato: 0,75 l

Tipologia: Bianco

Regione: Alto Adige

Origine: Made in Italy

Occasione: Aperitivo tra amici

Abbinamento: Formaggi

Allergeni: Solfiti

PIÙ COMPRI, PIÙ RISPARMI
Sconto quantità

Approfitta dei vantaggi riservati solo per gli iscritti al Programma Fedeltà Signorvino: 10% di sconto con l'acquisto di 6 bottiglie, 15% di sconto con l'acquisto di 12 bottiglie e 20% di sconto a partire da 18 bottiglie.

SPECIFICHE

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Colterenzio è una cantina con 300 famiglie di viticoltori dell’Alto Adige, che insieme costituiscono le fondamenta dell’azienda vinicola, lavorando tutto l’anno nelle vigne con le loro famiglie per conferire uve preziose vendemmiate rigorosamente a mano. Ogni giorno i viticoltori lavorano in armonia con la natura, che nell’anno 2009 ha visto un intervento di ristrutturazione, decidendo di valorizzare la cantina in termini architettonici e nell’ambito delle energie rinnovabili, operando in un’ottica di sostenibilità. Il nome Lafóa richiama alla mente l’inizio della rivoluzione qualitativa in Alto Adige e il lavoro pioneristico portato avanti dalla cantina Colterenzio negli anni Ottanta. All’epoca, il pioniere Luis Raifer, sull’omonimo vigneto non piantò solamente nuovi vitigni, ma anche nuovi standard di qualità: meno resa per uva e vino di miglior qualità. Fu proprio su questo vigneto pilota che nacque l’idea Lafóa: l’introduzione di nuovi standard di qualità che ancora oggi vengono seguiti rigorosamente sia dai soci viticoltori che dai collaboratori in cantina. Oggi Lafóa è sinonimo di bianchi e rossi dalla struttura forte, raffinati e dal grande potenziale di invecchiamento. L’uva di questo Chardonnay deriva da vigneti antichi con piccola resa, che crescono su un Altopiano a 400-550 m s.l.m. su terreni secchi morenici. Uno Chardonnay strutturato ed elegante con un grande potenziale di invecchiamento. Le uve vengono pigiate in modo soffice del grappolo intero, con fermentazione del mosto in barrique nuove ed usate con parziale fermentazione malolattica in legno. Segue un periodo di affinamento per 10 mesi sui lieviti fini, accompagnato da regolare bâtonnage e un ulteriore affinamento in bottiglia per 6 mesi. Di colore giallo paglierino forte, al naso è fruttato con sentori di noce, mango e melone. Una lieve nota di legno rende il vino perfetto nel suo insieme armonico. Eccezionale accompagnato a primi piatti tipici della cucina italiana, al pesce grigliato ed ai crostacei o a carni bianche. Per apprezzarne appieno lo stile, Chardonnay Lafóa va servito ad una temperatura di servizio di 12/14°C. Leggi di più Leggi di meno
LA CANTINA

Colterenzio

Nel 1960 nei pressi di Appiano, ventisei vignaioli di Colterenzio fondarono la propria cooperativa, rendendosi così indipendenti dai commercianti di vino che all’epoca delineavano i prezzi. Questo manipolo di ribelli diede alla neofondata cooperativa il nome della propria terra: il piccolo borgo di Schreckbichl (in italiano Colterenzio), svolgendo anche un ruolo pioneristico di perseguire con grande costanza un percorso di qualità. Luis Raifer nel 1979 fece ingresso nella cooperativa in veste di direttore. Portò con sé un bagaglio carico di ambizioni, anche a seguito del suo viaggio studi in California. Erano gli anni Ottanta e l´Alto Adige era per lo più una terra di rossi di mediocre qualità; Raifer, anch´egli viticoltore, riconobbe il potenziale di questa terra dei suoi vini d’eccellenza e sfruttando il terroir favorevole, l´adeguata estensione della superficie vitata e la competenza dei vignaioli locali, fece il passo in avanti. Come prima cosa, nel suo podere “Lafòa”, una collina baciata dal sole, sostituì le viti di Schiava con quelle di Cabernet Sauvignon e successivamente con Sauvignon Blanc. Introdusse uno standard qualitativo inedito, ovvero un quantitativo di raccolto inferiore, a fronte però di uve pregiate, per vini d’eccellenza. La forza di gravità in fase di diraspatura, naturale e all'avanguardia, fa da protagonista. Le nuove presse a membrana assicurano un processo delicato, preservando le preziose sostanze aromatiche dell'uva. La fermentazione e la maturazione dei vini avvengono, a seconda della varietà, in vasche di acciaio inossidabile, botti di cemento o di legno. Questa mentalità viene trasmessa a tutti, sperimentando la creazione di gruppi di qualità con nuove varietà. Alla base di tutto questo progetto ci sono ora 300 vignaioli: soci della Cantina Colterenzio. I viticoltori ogni giorno lavorano nelle loro vigne, in armonia con la natura in un'ottica sostenibile grazie all'installazione di pannelli solari e al sistema di recupero del calore. Nome e indirizzo produttore/distributore: Cantina Colterenzio, Strada del Vino, 8 - 39057 Cornaiano/Appiano (BZ). I prodotti di questa cantina vanno conservati in un luogo fresco e asciutto lontano da fonti di calore.

Seleziona una taglia

Leggi di più

Leggi di meno