Siamo spiacenti. Non sono stati trovati risultati inerenti alla ricerca. Continua a navigare e scopri tutti i nostri prodotti QUI

Scopri tutti gli eventi

Siamo spiacenti. Non sono stati trovati risultati inerenti alla ricerca. Continua a navigare e scopri tutti i nostri prodotti QUI

Scopri tutti gli eventi

Bolgheri

La storia e il territorio

Il Bolgheri è uno dei vini toscani più famosi, non solo a livello nazionale ma anche internazionale. Questo vino prende il nome da uno dei borghi più noti e amati d’Italia, celebrato da Carducci nei suoi versi. La zona di produzione di questo vino coincide con i confini del comune di Castagneto Carducci, in provincia di Livorno, che si trova nella Maremma toscana tra le Colline Metallifere ed il mar Tirreno. Questo territorio era un tempo molto selvaggio, con boschi e paludi. Dal XII secolo vi sorse un importante Castello, proprietà dei conti Della Gherardesca, attorno al quale si è sviluppato il borgo. Al giorno d’oggi esso è raggiungibile tramite una strada lunga quasi 5 chilometri, chiamata “Viale dei Cipressi”, divenuta famosa grazie al poeta Carducci.

Le uve e il terreno

La coltivazione della vite in questo territorio sembra originare dagli antichi Etruschi. Tuttavia, il vero sviluppo cominciò sotto la famiglia Gherardesca che iniziò ad impiantare i vigneti nelle zone di San Guido e Belvedere. I vitigni del Bolgheri crescono al giorno d’oggi su terreni molto variabili, alcuni sono di origine fluviale, altri sono marini, altri ancora vulcanici. Questa zona si è rivelata molto adatta alla coltivazione di vitigni internazionali, grazie alla conformazione del suolo, al clima soleggiato e alla vicinanza col mar Tirreno. I vitigni più utilizzati per i rossi e i rosati sono Cabernet Sauvignon, Merlot e Cabernet Franc, ma anche Syrah e Sangiovese in quantità minori. Per i vini bianchi invece, la vite più impiantata è il Vermentino, insieme al Sauvignon Blanc.

Tipologie di Bolgheri

Il Bolgheri Rosso è di colore rosso rubino brillante con riflessi violacei. Al naso è intenso, con aromi di fragola, mirto, spezie dolci, mentre al palato risulta morbido e armonico. Questo vino è composto da Cabernet Sauvignon, Merlot e Cabernet Franc fino al 100%, Syrah e Sangiovese non oltre il 50% e da altre uve complementari, come ad esempio Petit Verdot, meno del 30%. Il Bolgheri Superiore, prodotto dalle stesse uve, deve essere sottoposto ad un affinamento di 2 anni, di cui almeno 1 anno in botti di rovere. Il Bolgheri Sassicaia rappresenta un vero monopolio produttivo dell'azienda Tenuta San Guido, la prima ad imbottigliare taglio bordolese nella zona di Bolgheri. Nato come vino da tavola ad esclusivo consumo della famiglia Incisa della Rocchetta è oggi uno dei rossi italiani più pregiati e famosi al mondo. Composto da Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e da pochi anni da una piccola % di Sangiovese rappresenta un vino imperdibile per capire il potenziale enologico dell'intera area. Nonostante Bolgheri sia conosciuta per i suoi vini rossi, le tipologie più antiche e note del territorio sono vini bianchi e rosati. I bianchi sono normalmente composti per la maggior parte da Vermentino, vinificato in purezza, ma anche da altre uve tra cui Sauvignon Blanc e Viognier. I rosati invece vengono prodotti con le stesse uve utilizzate per i rossi. Sia i bianchi che i rosati sono vini piacevoli, con aromi varietali e di facile beva.

Abbinamenti

I rossi Bolgheri hanno un corpo ricco, strutturato ed intenso, quindi sono consigliati gli abbinamenti con piatti saporiti. Come primi piatti potete provare lasagne al forno, risotti al tartufo, polenta al ragù mentre come secondi piatti potete abbinare grigliate, arrosti, cacciagione e selvaggina. Il Bolgheri Sassicaia, essendo particolarmente potente ed elegante, trova il suo migliore abbinamento con carni rosse arrosto, tagliata di chianina e agnello al forno. I Rosati possono essere apprezzati al meglio insieme a formaggi molli, o con primi piatti a base di verdure e zuppe di pesce. Per quanto riguarda i bianchi invece, essendo più delicati e freschi, possono essere abbinati a piatti a base di pesce, e ai crostacei, ma anche a verdure e carni bianche. Il Vermentino Bolgheri, ad esempio, essendo un vino molto fresco ed equilibrato, si presta bene come aperitivo. Se, invece, lo si vuole consumare durante un pasto, consigliamo l’abbinamento con le fritture. Insomma, i vini Bolgheri offrono un’ampia scelta e sapranno sicuramente accontentare i gusti di ciascuno. Non vi resta che provare!