• Chatta con noi

    LUN / SAB: 08.00-20.00

  • Chiamaci

    numero verde gratuito 800 987 134 attivo:

    lunedì-sabato dalle 08.00 alle 20.00
    0458613640

    *Il numero è a pagamento. Il costo equivale alla chiamata nazionale, la tariffa dipende dal gestore telefonico.

  • Chiamaci

    lunedì-sabato dalle 08.00 alle 20.00
    0458613640

    *Il numero è a pagamento. Il costo equivale alla chiamata nazionale, la tariffa dipende dal gestore telefonico.

  • Inviaci una mail
label.service.not.available

Toscana Batar

Codice Articolo: VFB00173 2017750

Toscana Batar

€83.90
Codice Articolo: VFB00173 2017750

Denominazione

Bianco IGT

Uve

Chardonnay Pinot Bianco

Annata

2017

Tipologia

Bianco

Regione

Toscana

Affinamento

Legno piccolo

Formato

0,75 l

Alcool

13.5 %

Occasione

Cena romantica

Abbinamento

Formaggi

€83.90

Note di degustazione

Il Batar è uno tra gli IGT più iconici d’Italia: un Super Tuscan bianco, che sa di Borgogna ma che parla di Toscana. E’ stata una bella sfida riuscire ad elevare un vino bianco in una terra di rossi, ma la sfida contro il tempo la vince lui. Siamo tra i vigneti di Ruffoli , dove i due vitigni internazionali, Chardonnay e Pinot Bianco, vengono allevati tra i 350 e 600 metri di altitudine. Il galestro e l’esposizione a sud per i vigneti di Chardonnay, su suoli di arenarie e argille, si mescolano ai terreni più densi, esposti nel versante più freddo, dove viene coltivato il Pinot Bianco. Il blend toscano è un bianco dal colore giallo paglierino con riflessi dorati, dai profumi decisi , spiccati e profondi: acacia, pesca gialla, melone . Un sorso delicato, vellutato, morbido: frutta tropicale e note burrose, in un sorso che sembra non finire mai. Querciabella qui ha fatto centro: un vino dal grande potenziale di evoluzione, dalla texture stratificata nel tempo. Un grande bianco ottimo da gustare con piatti a base di formaggi meglio se erborinati, stagionati o saporiti.

CANTINA

Nel 1974 Giuseppe Castiglioni, proprietario di un'azienda nel Messico, acquistò quella che i grevigiani chiamavano Vigna della Querciabella, poiché vi si ergeva un quercia imponente, e la casa annessa per farne il proprio luogo di ritiro e riuscire a produrre un po' di vino per sé e per i suoi amici. Da quella prima idea si è poi sviluppato un progetto completamente diverso, che ha portato la Cantina Querciabella a primeggiare nel panorama vitivinicolo Toscano. Attraverso l'agricoltura biodinamica, fortemente voluta da Sebastiano, figlio di Giuseppe, si riescono a produrre vini dotati di notevole intensità olfattiva e dalla carica acida che permette un lunghissimo invecchiamento. Il vitigno principe della Cantina Querciabella è il Sangiovese coltivato nella maggior parte dei vigneti.

CantinaCantina

Seleziona una taglia