• Chiamaci

    lunedì - sabato dalle 8 alle 20

    0458613640

    *Il numero è a pagamento. Il costo equivale alla chiamata nazionale, la tariffa dipende dal gestore telefonico.

  • Chiamaci

    lunedì - sabato dalle 8 alle 20

    0458613640

    *Il numero è a pagamento. Il costo equivale alla chiamata nazionale, la tariffa dipende dal gestore telefonico.

  • Inviaci una mail
label.service.not.available

Ordina

Seleziona una taglia

Umbria

L’Umbria è il cuore verde d’Italia, apprezzata per la ricchezza artistica, culturale ed enogastronomica. Sull’e-commerce di Signorvino trovi il meglio del vino bianco umbro, meravigliose etichette di importanti cantine, che ti faranno perdere la testa per questa regione. Mettiti comodo: in un click ti portiamo a casa l’Umbria del vino più autentica e vera, capace di tenerti compagnia durante una cena con gli amici o con la famiglia. Cosa aspetti? L’Umbria verde si fa in bianco per te!

I migliori vini bianchi dell’Umbria

Sono proprio la vite e l’olivo a caratterizzare da secoli il paesaggio dell’Umbria e la sua economia agricola. Per il 70% collinare e montuosa per il rimanente, l’Umbria ha un territorio molto vocato per l’allevamento della vite, anche grazie a un clima mediamente asciutto, con inverni freddi, estati calde, e buone escursioni termiche giorno-notte, che incidono favorevolmente sulla concentrazione degli aromi nell’uva. I vini locali, sia rossi che bianchi, sono di alta qualità, e sono ottenuti da uve selezionate dai migliori vitigni della regione. A fare la parte del leone fra i vini umbri c’è senza dubbio il Grechetto, uva autoctona a bacca bianca diffusa un po’ in tutta la regione e presente anche altrove (Abruzzo, Toscana, Marche, Lazio), con cui si producono denominazioni sia in purezza, che in assemblaggio con altri vitigni. In Umbria la sua zona d’elezione è quella di Todi e Orvieto, dove si trova vinificato nelle omonime denominazioni.

Grandi denominazioni

La denominazione Orvieto DOC (Denominazione di Origine Controllata) prevede diverse versioni tra cui secca, abboccata, amabile, dolce, superiore, vendemmia tardiva e muffa nobile, mentre la Todi DOC prevede la versione Grechetto fermo, Superiore e Passito. Altri vitigni a bacca bianca dell’Umbria sono la Malvasia Bianca, il Procanico, il Canaiolo Bianco, il Verdello e il Trebbiano Toscano. La prima, la Malvasia Bianca Lunga, coltivata anche in Toscana, dove la si utilizza anche per il Vin Santo, è un’uva che si ritrova nelle denominazioni Spello IGT (Indicazione Geografica Tipica), nella Narni IGT e in quella più estesa, la Umbria IGT. Il Trebbiano Toscano, presente anche in Toscana in svariate denominazioni (Bianco della Valdinievole DOC, Bianco di Pitigliano DOC, Pisano San Torpé DOC), cresce molto bene in Umbria, dove lo si utilizza in 15 denominazioni tra cui la Torgiano DOC, la Montefalco DOC e l’Assisi DOC.

Abbinamenti con i vini bianchi umbri

I vini bianchi dell’Umbria sono meravigliosi per profumi, carattere e versatilità nell’abbinamento. Col Trebbiano Toscano, intenso, caratteristico, segnato da piacevoli aromi agrumati, a volte citrini in base alla zona di esposizione dell’uva, palato sapido e strutturato, si può andare sugli aperitivi, come sui secondi piatti di pesce. Il Grechetto, specie nelle DOC Orvieto e Todi, ha personalità da vendere e mille sfaccettature diverse, grazie alle molto versioni disponibili. Nella versione secca (colore giallo paglierino, profumi minerali e di frutta gialla) il sorso piacevolmente sapido si abbina ai primi di mare, come i garganelli con asparagi e vongole veraci, le orecchiette col branzino o un risotto agli scampi. La versione vendemmia tardiva e ancora più quella da muffa nobile sono un concentrato di aromi e gusto, palato dolce e armonico, bilanciato da una certa freschezza. Per un vino con queste caratteristiche bisogna stare sui formaggi stagionati ed erborinati, oltre ai dessert con le creme.

Sapori e aromi più armonici

Il Narni IGT, assemblaggio di vari vitigni bianchi dell’Umbria, tra cui la Malvasia, è in genere un bianco dai buoni profumi, discreta struttura e persistenza gustativa, tanto che lo si può utilizzare come aperitivo o in abbinamento a portare fredde, come un’insalata di pasta o un semplice riso alla cantonese. Con la Assisi DOC si ha una duplice scelta, a partire dalla versione a base Grechetto, dal colore giallo paglierino, frutta gialla al naso, sapido e ricordi ammandorlati in chiusura, che con la versione Bianco, nella quale concorrono diversi vitigni del territorio. In entrambi i casi si può godere una bottiglia per un’intera cena in famiglia o con gli amici, indirizzandosi su piatti dalla discreta intensità gustativa. Ora che sapete tutto su questa regione, sta a voi provare qualche abbinamento sfizioso! Buon divertimento.