• Chatta con noi

    LUN / SAB: 08.00-20.00

  • Chiamaci

    numero verde gratuito 800 987 134 attivo:

    lunedì-sabato dalle 08.00 alle 20.00
    0458613640

    *Il numero è a pagamento. Il costo equivale alla chiamata nazionale, la tariffa dipende dal gestore telefonico.

  • Chiamaci

    lunedì-sabato dalle 08.00 alle 20.00
    0458613640

    *Il numero è a pagamento. Il costo equivale alla chiamata nazionale, la tariffa dipende dal gestore telefonico.

  • Inviaci una mail
label.service.not.available

Barbera del Monferrato La Monella

Codice Articolo: VFR00217 2020750

Barbera del Monferrato La Monella

€8.90
Codice Articolo: VFR00217 2020750

Denominazione

Barbera Del Monferrato DOC

Uve

Barbera

Annata

2020

Tipologia

Rosso

Regione

Piemonte

Affinamento

Acciaio

Formato

0,75 l

Alcool

14 %

Occasione

Ogni giorno

Abbinamento

Salumi

€8.90

Note di degustazione

La cantina Braida nasce nel 1961 grazie a Giacomo Bologna, un vignaiolo illuminato che aveva ereditato dal padre Giuseppe la vigna, il soprannome di Braida e una profonda passione per l’arte di fare vino. Intraprende un percorso che lo porta oggi ad essere riconosciuto come il padre della barbera moderna. È grazie a Giacomo, infatti, che questo vitigno è passato dall’essere considerato povero e sempliciotto, all’essere riconosciuto a livello internazionale come ricco e adatto alla produzione di grandi vini rossi. Tutto questo è avvenuto grazie all’intuizione di usare per l’affinamento piccole barriques di rovere francese, degli elementi del tutto sconosciuti nella viticoltura piemontese dell’epoca.Oggi l’azienda si sviluppa su 56 ettari vitati sparsi nei comuni intorno ad Asti. I vigneti ospitano maggiormente Barbera, ma possiamo trovare anche vitigni internazionali come Chardonnay, ma anche piccoli vitigni autoctoni come Grignolino, Brachetto e Moscato. Nasce qui una gamma di vini di assoluto prestigio e dagli standard qualitativi molto alti.La Barbera d’Asti “La Monella” è il vino con cui inizia ufficialmente la storia di Braida: la prima uva per questo vino cresceva nella vigna di nonna Caterina e in cantina il nonno scriveva col gesso “La Monella” sulla botte di Barbera più esuberante.Le uve Barbera che compongono questo vino nascono dai vigneti più giovani di proprietà dell’azienda, su terreni ricchi di sabbia e argilla. Il mosto fermenta a contatto con le bucce per circa 10 giorni, per poi affinare in acciaio 4 mesi prima della presa di spuma in autoclave. Il colore è rosso rubino quasi tendente al viola, con una schiuma ricca e briosa. Al naso risulta fresco e fragrante, con delle chiare note vinose e fruttate che richiamano i piccoli frutti rossi, la ciliegia, la mora, con lievi note floreali e speziate. Al palato è di grandissima beva, fresco e vivace. Questo rosso piemontese risulta perfetto per un consumo quotidiano, e con la sua freschezza si abbina perfettamente ai salumi.

CANTINA

Dietro il nome della cantina Braida si cela la storia di una passione: quella per l’eccellenza, non solo tra i filari ma in tutti i campi. Giuseppe, capostipite della famiglia Bologna, era infatti soprannominato “Braida”, dal nome di un famoso calciatore, per la sua dimestichezza nel giocare con il pallone elastico nelle piazze di Rocchetta Tanaro, piccolo centro del Monferrato astigiano. Così, oltre al soprannome e all'amore per lo sport, Giacomo Bologna ereditò l’arguzia e la perseveranza necessarie per prendersi cura di un ampio vigneto di Barbera sulle colline di Rocchetta. Tali doti lo confermano ancora oggi campione nel campo dei vini piemontesi. La prima vendemmia di vini Braida è datata 1961, quando Giacomo decise di imbottigliare il vivace “La Monella”, valsogli la medaglia d’oro al Concorso nazionale dei vini Douja d’Or di Asti. Forte di lunghi studi e armato di tenacia, si arrischiò ad affinare la Barbera nelle barriques francesi, pratica all’epoca non utilizzata in Italia. Con il suo celebre Bricco dell’Uccellone è andato oltre convenzioni e convinzioni del passato, dimostrando l’alto livello di qualità, finezza e carattere ottenibili da questa varietà di uva. Oggi, Giuseppe e Raffaella Bologna, terza generazione Braida, con lavoro e dedizione continuano il processo di conquista dello status di nobiltà del Barbera, rivendicandone il vessillo ad altre cantine straniere. Grazie alla preziosa squadra di collaboratori, ogni giorno consolidano il valore del loro patrimonio fatto di biodiversità e rigore produttivo, genio, fantasia e rispetto della tradizione.

CantinaCantina

Seleziona una taglia